Domenico è muratore e probabilmente grazie alla sua attività può permettersi di vivere in strada Melo, nel cuore del nuovo Borgo murattiano, che gli operai edili stanno contribuendo a edificare moderno ed elegante. Spesso i mastri muratori si trasformano in veri e propri imprenditori, capaci di acquisire i terreni di quelli che diventeranno gli isolati più appetibili del Borgo e di costruire palazzi e appartamenti, dei quali vendono porzioni a scopo di lucro. La famiglia si sposta tra via Argiro, via Melo e via De Giosa, tutte zone di nuova edificazione. Dalla fine degli anni Settanta per un decennio circa, Domenico risulterà pizzicagnolo e cantiniere, forse per affiancare il padre, piccolo imprenditore in quello che oggi definiremmo commercio al dettaglio, o il suocero pastaio. E’ probabilmente lui Zampetta Domenico, gestore di una salsamentaria in via Melo, annoverato nell’Annuario storico-statistico-commerciale di Bari e Provincia 1882-1883 di Domenico Mele. Dagli anni Novanta, torna all’attività edilizia, alla quale si dedicherà anche il figlio primogenito nato da Vittoria Prudente nel 1874, cioè Tommaso, che nel 1895 sposa Antonia Guardavaccaro.

Dopo la nascita di Tommaso, Domenico e Vittoria avranno altri otto figli, quasi tutti morti in tenera età, tranne Francesco nato nel 1885 e Grazia, nata nel 1880, che nel 1903 sposa il calzolaio Giovanni Gagliardi, entrambe gli sposi vengono dichiarati in stato di povertà e di fatti emigrano alla volta del Cairo dove c’è una fervente comunità italiana ma dove, soprattutto, vivono i parenti materni Prudente, lo zio Costantino e i nonni. Nel 1961 ritroviamo Grazia in viaggio verso San Paolo del Brasile, ormai anziana e vedova, con il figlio Gaetano che probabilmente già vive lì e ora porta con sé la mamma, che di professione viene definita domestica. Da questi documenti trovati sulla piattaforma Family Search ricaviamo che Grazia ha cittadinanza egiziana e il suo trasferimento in Brasile è per un soggiorno permanente.

E’ con Domenico che il cognome inizia a essere modificato in Zampetti, Zampetta (che è il cognome con cui verrà sempre identificata la figlia Grazia), per poi definitivamente diventare Zambetta, cognome che tramanderà il primogenito Tommaso.

 

Prudente

 

 

© www.vitemairaccontate.it