Ludovico Iacobone, probabilmente il più piccolo dei figli di Francesco e Maria Giuseppa Di Pasquale, è l’unico dei tre fratelli che in vita si fregia del titolo di proprietario, pur risultando fornaciaro di mestiere e nell’atto di morte, che avviene nel 1849 a 72 anni.

Per il Catasto provvisorio di Canosa del 1814 (presso Archivio di Stato di Bari), Ludovico è un fornaciaro, proprietario di fornace da creta, di terreni coltivati a sementi e vigne e di un sottano e un soprano al Maneggio. Agli inizi del 1800 sposa Lucia Di Corato (o Decorato) e solo tre dei loro numerosi figli raggiungeranno l’età matura. Il maggiore Francesco nato nel 1813, eredita le attività paterne legate alla fornace e anche le sue ricchezze; quando nel 1833 sposa Francesca Ferrara, di famiglia benestante, risulta essere anche lui proprietario figlio di proprietario. E lo stesso varrà 15 anni dopo quando si sposerà la sorella Savina, nata nel 1824, con il proprietario di Orta, Beniamino Alessandro Di Dedda: tutti gli Iacobone saranno presentati come proprietari. Francesco muore nel 1877 nella casa di via di Cerignola con lo status di fornaciaro, ma viene registrato come figlio dei defunti possidenti Ludovico Iacobone e Lucia Decorato.

È quindi evidente che la famiglia di Ludovico è tra quelle dei fratelli la più benestante, e lo stesso varrà per la giovane generazione di cugini. Francesco di Ludovico infatti si distinguerà per essere sempre citato come proprietario, Francesco di Carlo ricoprirà l’importante ruolo istituzionale di consigliere comunale (ottenuto grazie alla ricchezza e alle attività commerciali), Francesco di Pasquale invece nel frattempo ha messo radici nella città capoluogo Bari, come commerciante appartenente all’alta borghesia.

Il figlio minore di Ludovico e Lucia è Luigi, nato nel 1828, sposatosi con Rosa Di Trani nel 1850, fornaciaro, muore nel 1909 come contadino nella casa di vico Tito Livio.

 

© www.vitemairaccontate.it

Torna l'Egitto nella vita dei Zambetta. La povertà costringe a emigrare anche le giovani generazioni, quelle che agli inizi del Novecento sperano di trovare fortuna altrove. Non sappiamo se l'hanno trovata, ma sappiamo che chi è rimasto a Bari ha avuto una vita non facile ma dignitosa. Leggi Domenico Zambetta e Vittoria Prudente

 

I racconti di famiglia si intrecciano con gli atti, nella storia della famiglia di Domenico Loconsole e Pasqua Albergo