Questo sito non ha scopi di lucro e non è un sito commerciale; il suo unico intento è condividere racconti e storie, nel pieno rispetto della privacy e del diritto d'autore. Le immagini e i testi qui inseriti, quando non siano proprietà del sito o dei suoi collaboratori, non costituiscono concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera originale: si tratta di "riassunto", "citazione" o "riproduzione di brani o di parti di opera" utilizzati con mere "finalità illustrative e per fini non commerciali", in ossequio all'articolo 70 della Legge 22 aprile 1941 n. 633, innovata dalla legge 22 maggio 2004, n. 128. Tuttavia, su richiesta dell'eventuale titolare di diritti, immagini, video e testi inseriti saranno eliminati dal sito.

I contenuti e le informazioni presenti in questo sito, in qualsiasi formato essi siano proposti (codice di script, grafica, testi, tabelle, immagini, mappe) sono protetti ai sensi delle normative relative al diritto d’autore, ai brevetti e alla proprietà intellettuale. L’utilizzo, la copia e la distribuzione dei documenti, degli articoli e delle immagini disponibili su questo sito sono consentiti a condizione di dichiarare la fonte e l'autore, ove indicato, e solo per uso personale e non commerciale: pertanto nulla, neppure in parte, potrà essere copiato, scaricato, modificato o rivenduto per fini di lucro o per trarne qualsivoglia utilità. Ogni eventuale violazione è perseguibile ai sensi della Legge n. 633 del 22 aprile 1941, e ss mm, “Legge a protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio(pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 166 del 16 luglio 1941).

Si precisa che i prodotti e le società menzionati nel sito sono marchi dei rispettivi proprietari e/o titolari e possono essere protetti da brevetti e/o copyright concessi o registrati dalle autorità preposte.

I dati personali presenti in questo sito sono stati trattati nel pieno rispetto del “Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici” (Provvedimento del Garante per la Privacy n. 8/P/2001 del 14 marzo 2001, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2001) e del Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali" (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 29 luglio 2003 - Supplemento Ordinario n. 123).

Si precisa che le principali fonti per i dati anagrafici riportati nelle singole storie (date di nascita, morte e matrimonio, mestieri e indirizzi civici, maternità e paternità, luogo di nascita, morte e matrimonio) sono stati gli Archivi di Stato di Bari e Trani. Gli atti sono stati consultati direttamente presso la loro sede e sui siti www.antenati.san.beniculturali.it, www.familysearch.org e www.ancestry.it

 

 

 

 

Le migrazioni in Egitto

Alla fine dell’Ottocento, l’Egitto fu una meta ambita dai migranti italiani. Tutto merito di una colta e ben integrata comunità storica che godeva di privilegi e una buona posizione sociale. Certo, molti dei migranti arrivati a fine Ottocento erano alla ricerca di un posto in cui sopravvivere e trovare migliori occasioni rispetto a quanto gli si poteva offrire nelle città di origine. Costantino Prudente non apparteneva a una famiglia povera di Bari, anzi suo padre Francesco aveva un’attività familiare di maccheronaio e rivenditore al dettaglio sicuramente avviata, e lo stesso Costantino aveva la sua attività di barbiere regolarmente registrata nell’Annuario storico-statistico-commerciale di Mele (praticamente le nostre Pagine Gialle). Eppure la voglia di qualcosa di più e di diverso deve aver spinto prima Costantino, e poi altri membri della famiglia, ad avventurarsi nell’esotico Egitto, prima nel quartiere copto poi in quella strada di Clot Bey conosciuta nel mondo per i suoi bar, i suoi locali e anche i suoi bordelli. Sempre affiancato da altri baresi emigrati, Costantino costruisce una nuova vita per la sua famiglia allargata… e noi oggi ci chiediamo cosa sia accaduto poi ai suoi figli. Saranno tornati a Bari o infoltiscono quelle schiere di figli e nipoti di migranti alla ricerca delle loro origini? Leggi l'articolo Prudente

 

Che relazione c'è tra le nostre storie?

Nel maggio del 1921 Francesco Iacobone, 24 anni, commerciante di tessuti di Bari, ma con origini canosine, sposa Erminia Pensieri, 20 anni, figlia di Domenico e Maria Rosaria Massari. Dal loro matrimonio nasce Dorotea che nel 1945 sposa Guido Tedeschi, ventinovenne soldato nato in Veneto a Giacciano con Baruchella. Ed è così che le famiglie Iacobone, Massari e Tedeschi uniscono i loro destini e le loro discendenze. Leggi gli articoli Francesco Iacobone ed Erminia Pensieri, Giacciano con Baruchella (RO), Pensieri