Visto il provvedimento del Garante della Privacy dell'8 maggio 2014 relativo alla Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookies (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 13 giugno 2014), si precisa che questo sito utilizza:

  • cookie di sessione, non strumentali alla raccolta di dati personali identificativi dell’utente. I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser;
  • cookie tecnici, che non prevedono la memorizzazione permanente dei dati personali raccolti e servono unicamente a potenziare l’usabilità del sito;
  • cookie analytics per il monitoraggio delle visite al sito;
  • cookie di terze parti, attraverso l'utilizzo di alcuni plugin. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti in seguito all'uso di detti plugin si prega di leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti terzi. Per l'uso di Google Maps su questo sito si può consultare l'informativa sulla privacy fornita da Google.

 

Note legali

Modugno nell'antichità

Nel 1700 la città di Modugno era uno dei 15 casali della conca di Bari, cioè uno dei 15 Comuni le cui attività economico-produttive erano imprescindibilmente collegate a quelle della città capoluogo. I nobili baresi erano i proprietari dei latifondi presenti nei casali, lavorati molto spesso non solo da braccianti del luogo ma anche dai braccianti baresi, che ogni mattina lasciavano la città per recarsi nelle terre dei paesi vicini... Nel dicembre 1820 si decise l'abbattimento delle fatiscenti Mura della città, e si iniziò a delineare la futura distinzione tra il borgo antico, nucleo originario del centro abitato sorto intorno alla Fortezza che presidiava la collinetta della Motta, e il suburbio, espansione urbana all'esterno delle antiche mura. Leggi l'articolo Modugno

 

Che relazione c'è tra le nostre storie?

Nel maggio del 1921 Francesco Iacobone, 24 anni, commerciante di tessuti di Bari, ma con origini canosine, sposa Erminia Pensieri, 20 anni, figlia di Domenico e Maria Rosaria Massari. Dal loro matrimonio nasce Dorotea che nel 1945 sposa Guido Tedeschi, ventinovenne soldato nato in Veneto a Giacciano con Baruchella. Ed è così che le famiglie Iacobone, Massari e Tedeschi uniscono i loro destini e le loro discendenze. Leggi gli articoli Francesco Iacobone ed Erminia Pensieri, Giacciano con Baruchella (RO), Pensieri