Visto il provvedimento del Garante della Privacy dell'8 maggio 2014 relativo alla Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookies (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 13 giugno 2014), si precisa che questo sito utilizza:

  • cookie di sessione, non strumentali alla raccolta di dati personali identificativi dell’utente. I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell’utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser;
  • cookie tecnici, che non prevedono la memorizzazione permanente dei dati personali raccolti e servono unicamente a potenziare l’usabilità del sito;
  • cookie analytics per il monitoraggio delle visite al sito;
  • cookie di terze parti, attraverso l'utilizzo di alcuni plugin. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti in seguito all'uso di detti plugin si prega di leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti terzi. Per l'uso di Google Maps su questo sito si può consultare l'informativa sulla privacy fornita da Google.

 

Note legali

Le migrazioni in Egitto

Alla fine dell’Ottocento, l’Egitto fu una meta ambita dai migranti italiani. Tutto merito di una colta e ben integrata comunità storica che godeva di privilegi e una buona posizione sociale. Certo, molti dei migranti arrivati a fine Ottocento erano alla ricerca di un posto in cui sopravvivere e trovare migliori occasioni rispetto a quanto gli si poteva offrire nelle città di origine. Costantino Prudente non apparteneva a una famiglia povera di Bari, anzi suo padre Francesco aveva un’attività familiare di maccheronaio e rivenditore al dettaglio sicuramente avviata, e lo stesso Costantino aveva la sua attività di barbiere regolarmente registrata nell’Annuario storico-statistico-commerciale di Mele (praticamente le nostre Pagine Gialle). Eppure la voglia di qualcosa di più e di diverso deve aver spinto prima Costantino, e poi altri membri della famiglia, ad avventurarsi nell’esotico Egitto, prima nel quartiere copto poi in quella strada di Clot Bey conosciuta nel mondo per i suoi bar, i suoi locali e anche i suoi bordelli. Sempre affiancato da altri baresi emigrati, Costantino costruisce una nuova vita per la sua famiglia allargata… e noi oggi ci chiediamo cosa sia accaduto poi ai suoi figli. Saranno tornati a Bari o infoltiscono quelle schiere di figli e nipoti di migranti alla ricerca delle loro origini? Leggi l'articolo Prudente

 

Che relazione c'è tra le nostre storie?

Nel maggio del 1921 Francesco Iacobone, 24 anni, commerciante di tessuti di Bari, ma con origini canosine, sposa Erminia Pensieri, 20 anni, figlia di Domenico e Maria Rosaria Massari. Dal loro matrimonio nasce Dorotea che nel 1945 sposa Guido Tedeschi, ventinovenne soldato nato in Veneto a Giacciano con Baruchella. Ed è così che le famiglie Iacobone, Massari e Tedeschi uniscono i loro destini e le loro discendenze. Leggi gli articoli Francesco Iacobone ed Erminia Pensieri, Giacciano con Baruchella (RO), Pensieri