Nel 1845 l’Italia è nel vivo del Risorgimento e, di fatto, si prepara il 1848. Intellettuali del calibro di Massimo d’Azeglio, Carlo Cattaneo, Carlo Tenca, Vincenzo Gioberti, Daniele Manin sono attivi sia sul piano culturale con le loro riviste e i loro scritti, che su quello prettamente politico. Carlo Alberto di Savoia inizia a intravedere nei moti rivoluzionari l’opportunità per arrivare all’unificazione del Regno Sabaudo con il Lombardo-Veneto cacciando gli Austriaci e garantendo all’Italia il governo degli unici sovrani lettimi, cioè i Savoia e il Pontefice.

In particolare l’elezione di Pio IX l’anno dopo, un papa moderato e liberale, fermo oppositore degli Austriaci, darà a Carlo Alberto la forza di affrontare l’Austria. Un faccia a faccia che inizia in maniera tranquilla quando a fine anno Carlo Alberto chiede un arbitrato alla corte di Vienna per ridefinire alcune politiche economiche austriache che hanno alzato i dazi sull’importazione di vino piemontese in Lombardia.  Una iniziativa che ha suscitato notevole malcontento tra la popolazione tanto in Piemonte quanto in Lombardia, e che viene sapientemente sfruttata per sollevare la folla contro gli Austriaci e in favore di Carlo Alberto Re d’Italia.

Intanto nell’inverno del 1845 lo zar Nicola di Russia è in visita in Italia ospite di Carlo Alberto, Ferdinando II di Borbone e del papa Gregorio XVI.

A Napoli i Borbone promuovono il VII Congresso di Scienze con 1400 scienziati presenti e il primo congresso di Archeologia. La cultura scientifica inizia a maturare e a imporsi, anche se in molti vedono nascoste attività rivoluzionarie e ribelli.

 

 

Modugno nell'antichità

Nel 1700 la città di Modugno era uno dei 15 casali della conca di Bari, cioè uno dei 15 Comuni le cui attività economico-produttive erano imprescindibilmente collegate a quelle della città capoluogo. I nobili baresi erano i proprietari dei latifondi presenti nei casali, lavorati molto spesso non solo da braccianti del luogo ma anche dai braccianti baresi, che ogni mattina lasciavano la città per recarsi nelle terre dei paesi vicini... Nel dicembre 1820 si decise l'abbattimento delle fatiscenti Mura della città, e si iniziò a delineare la futura distinzione tra il borgo antico, nucleo originario del centro abitato sorto intorno alla Fortezza che presidiava la collinetta della Motta, e il suburbio, espansione urbana all'esterno delle antiche mura. Leggi l'articolo Modugno

 

Che relazione c'è tra le nostre storie?

Nel maggio del 1921 Francesco Iacobone, 24 anni, commerciante di tessuti di Bari, ma con origini canosine, sposa Erminia Pensieri, 20 anni, figlia di Domenico e Maria Rosaria Massari. Dal loro matrimonio nasce Dorotea che nel 1945 sposa Guido Tedeschi, ventinovenne soldato nato in Veneto a Giacciano con Baruchella. Ed è così che le famiglie Iacobone, Massari e Tedeschi uniscono i loro destini e le loro discendenze. Leggi gli articoli Francesco Iacobone ed Erminia Pensieri, Giacciano con Baruchella (RO), Pensieri