Affini Loconsole

Gli Albergo sono una famiglia contadina originaria di San Giuseppe. È qui che vivono i capostipiti Giorgio Albergo e Serafina Covelli nati negli anni ’40 del 1700, e il loro primogenito Francesco nato negli anni ’60 del 1700, il quale sposa verso il 1790 Grazia Santa Guaragno. Il loro primogenito Giorgio nasce nel 1791 e nel 1816 sposa Pasqua Manzaro, che dopo solo due anni perde il papà, Vito, bottegaio di Colagualano.

Anna Rosa Barba nasce nell'ottobre del 1748, figlia di Giuseppe Barba e Francesca Citrangolo. Negli atti settecenteschi il loro cognome è trascritto come Barvo o Barva. In corte Colagualano il cognome è molto presente, riferito a famiglie di artigiani (falegnami, tornitori) e naturalmente barbieri, ma non siamo ancora riusciti a risalire a suo fratelli o sorelle naturali.

Giovanni e Anna Rosa Barba

© www.vitemairaccontate.it

 

Nel 1806 nella zona dell’Ospedale e di Spirito Santo, più vicina all'area portuale barese, si forma la famiglia di Andrea Bellomo e Giuseppa Lopez, ventenni, che nel 1807 hanno il loro primogenito Michele, omonimo del nonno paterno. Michele Bellomo, papà di Andrea, è probabilmente un marinaio da commercio e non un semplice pescatore, proprietario di una imbarcazione, impegnato anche nelle attività della distribuzione al minuto realizzata sulla spiaggia al momento dell’approdo. Ed è forse a capo di un'organizzazione familiare che vede impiegate tutte le generazioni dei Bellomo, sia sulla nave che a terra.

Giuseppe De Pasquale nato a Bari nel gennaio 1818 è figlio del sarto Antonio, originario di Napoli, e di Giovanna Loiacono, barese di San Benedetto. Vive e si forma, come i suoi fratelli, in un entourage di sarti e calzolai che ruotano intorno alla figura del padre, Antonio, sarto, capace di firmare tutti gli atti ufficiali della sua famiglia, che muore però molto presto nel 1827 a neanche 40 anni. Giuseppe sposa nel 1837 Francesca Latorre, figlia di un muratore di Monopoli, nata in paese ma cresciuta a Bari nella comunità della chiesa di San Gaetano, dove i due si sposano e dove vengono battezzati i loro primi figli.

Rosa Maria Benedetta Lariccia nasce a Bari nel novembre del 1789 a Bari, figlia di Giuseppe Domenico e Angela Carnimeo. Il padre muore a 28 anni tre anni dopo la sua nascita, nel 1792, e l’anno dopo la madre sposa Vito Carlo Montanaro, beccaio, che per Rosa sarà un vero padre.

Teresa Loseto nasce nel novembre 1838 in strada Arco Alto da Pietro e Rosa Caporusso. Pietro muore nel 1848 quando la figlia ha dieci anni; Rosa non si risposa e morirà a 56 anni, nove anni dopo la tragica e prematura morte di sua figlia Teresa.

Giulia Losole è nata nel 1811 a Modugno. Il padre Angelantonio è un contadino modugnese, la mamma Antonia Valerio è barese di corte Colagualano, cosa che si evince dall’atto di matrimonio del fratello Michele Valerio del 1810. La famiglia Losole vive a Modugno, in strada Pezzolla e in strada Squadrilla, dove nascono Giulia e il fratello Nicola Vito (Map).